Ambientazione

Solo quando l’ultimo fiume sarà prosciugato,
quando l’ultimo albero sarà abbattuto,
quando l’ultimo animale sarà ucciso,
solo allora capirete che il denaro non si mangia.
Capo Toro Seduto dei Sioux Lakota

un mondo in rovina
New Atlantis si svolge in Italia ai nostri giorni. Tuttavia nei primi mesi dell’anno 2017 le cose cominciano a cambiare e a precipitare.
Nel giro di poche settimane un batterio sconosciuto infetta le principali fonti idriche potabili. La contaminazione si propaga con una rapidità sorprendente.
Dapprima si comincia a fare affidamento sull’acqua in bottiglia che proviene da fonti certificate, poi quando le scorte cominciano a scarseggiare e quando diventa chiaro che queste fonti prosciugheranno ben presto se continuano a essere utilizzate intensivamente la paura della popolazione sfocia nel panico.

Chi beve acqua contaminata è destinato alla morte in pochi giorni. Mentre i governi e gli organismi sovranazionali cercano di correre ai ripari, la società civile comincia a disgregarsi. Manifestazioni, tumulti, saccheggi, violenza esplodono in ogni parte del mondo. Comincia la discesa verso una spirale cupa. Il crollo.

Da qui la rovina. Niente acqua vuol dire niente agricoltura, niente allevamenti, niente attività produttive. Niente vita.
Chi ha avuto la fortuna e l’accortezza di accaparrare delle scorte riesce a tenere duro, mentre le persone abbandonano ogni forma di vita civile, le città cadono in disgrazia e le campagne vengono abbandonate. Poi lo switch-off. Niente più elettricità, l’intera fragile catena della produzione mondiale si spezza. Niente operai, niente petrolio, niente elettricità, niente trasporti. Niente.

Gli uomini vivono nell’incertezza del proprio futuro più prossimo. Il loro orizzonte si restringe alla singola giornata. Come mi nutrirò? Come mi scalderò?

E poi ci sono quelli che non ce l’hanno fatta. Amici, parenti, figli e padri. Ognuno è immensamente più solo. Ogni sopravvissuto porta con se la propria tragedia, il proprio fardello di dolore e umanità.

New Atlantis si svolge tre mesi dopo l’inizio della crisi idrica, quando ormai tutto è cambiato per sempre. Un mondo cupo e pericoloso che vive sulle rovine del mondo che conosciamo. Un luogo desolato in cui la maggior parte degli esseri umani sono morti e i pochi rimasti in vita sono creature solitarie che vagano alla ricerca di ciò che è necessario per sopravvivere. Un posto dove la speranza sembra scomparsa e l’umanità destinata all’estinzione.

asdasd