È nata una sopravvissuta. @come Antéros comanda #1

5 Apr, 2017 | Approfondimenti

di Barbara Audisio

Devo ammettere che all’inizio l’ho presa male.

Questa nuova condizione da single mi spaventava e sapeva di salto nel vuoto. Un po’ troppo nel vuoto o in un vuoto un po’ troppo vuoto.

Poi lentamente la paura è andata disgregandosi sotto i miei occhi, il vuoto ha cominciato a riempirsi di cose divertenti, gli incontri si sono fatti serrati, i “perché no” detti sono aumentati, sono diventati “Sì” e “sì, e…”.

In tutto questo annuire continuo alle esperienze più disparate un amico mi propone di iscrivermi a un Larp. “Io vado” mi dice. Ricordo che eravamo in macchina e stavamo andando verso Modena e lui ha cominciato a raccontare la sua esperienza fin quando non gli ho detto: “Posso venire anch’io?”

Larp significa Live Action Role-Playing, un gioco di ruolo dal vivo, in prima persona. Ve lo scrivo così vi evito di andare a cercare su internet come ho fatto io. Viene dato un personaggio, un’ambientazione, una storia e il resto tocca ai personaggi.

Per un giorno intero lui mi parla di questo gioco, dell’ambientazione dell’anno scorso, delle persone incontrate. Mi mostra foto, filmati girati dallo staff, le immagini del suo costume. Mentre parla ha gli occhi di un bambino, entusiasti, sognanti, emozionati. Capisco che è qualcosa di magico, un’esperienza che voglio fare assolutamente e lui rincara la dose dicendo: “Verrai attraversata dalle emozioni. Per una come te sarà un impatto, farai fatica a tornare alla realtà e ti cambierà il modo di vederla”.

Ci sono, è roba per me.

[continua…]

L’articolo continua qui.